Trova nel sito

Chi è on Line

Abbiamo 128 visitatori e nessun utente online

Login

2022 12 FotoEventoTorluccio1

L’Istituto Tecnico Commerciale Statale "Lorgna Pindemonte" di Verona ha consegnato al direttore generale di Confesercenti Verona Alessandro Torluccio, in occasione della serata di socializzazione natalizia, una menzione di merito.
La consegna è stata effettuata ai piedi dell’anfiteatro Arena sotto la stella divenuta ormai simbolo indiscusso del Natale a Verona, questa sontuosa archi-scultura in acciaio verniciato è stata realizzata nel 1984, alta 70 metri (con un peso di 78 tonnellate), che ogni anno viene allestita nella centralissima Piazza Bra nel periodo natalizio.
La menzione di merito cita: “Per aver dimostrato come, puntando sulla formazione intesa come trampolino di crescita umana e professionale, si possano raggiungere grandi obiettivi. Mettendo a frutto talento ed energia si è distinto per la dimensione sociale che riesce a imprimere al suo quotidiano impegno”.
Torluccio, ex allievo dell’ITCS Lorgna Pindemonte, dove ha conseguito il diploma di ragioniere perito commerciale e programmatore, per poi laurearsi in Scienze e Tecniche della Comunicazione Grafica Multimediale con indirizzo comunicazione istituzionale e d’impresa presso lo IUSVE Istituto Universitario Salesiano Venezia. Successivamente ha proseguito gli studi con dei master in leadership management ed Etica d’Impresa.
«Ringrazio il dott. Giovanni Borghini e l’ITCS Lorgna Pindemonte per questa menzione di merito, ho sempre pensato che la formazione continua sia il futuro - racconta il direttore - il mondo sta cambiando ad una velocità pazzesca, chiunque voglia arrivare a raggiungere degli obiettivi, non deve mai dimenticare che prima di tutto deve formarsi. Lo dovrà fare anche in futuro, sempre più la formazione è entrata a far parte delle aziende, dedicando del tempo esclusivamente alla crescita professionale e personale».
Conclude Torluccio «investire sui giovani per le sfide del futuro. Iniziamo un nuovo percorso per essere sempre più vicini alle imprese con uno sguardo al futuro, al rilancio e al nuovo modo di fare impresa e associazione, ecco perché i giovani sono fondamentali anche per l’utilizzo delle nuove tecnologie. Abbiamo infatti investito su risorse giovani, ma preparate e altamente qualificate, per affrontare con maggiore consapevolezza le sfide della nuova economia».