Trova nel sito

Formazione

Master

Italia COMFIDI

banner comfidi piccolo

Corsi Obbligatori

Ambulanti On-Line

Storie di Impresa

chiusura verona 21

Con la giornata di chiusura e le presentazioni dei project work per Vicenzi Group, gli Allievi del Master in Marketing e Comunicazione d’Impresa di Verona completano il loro percorso di crescita personale e professionale.

Se grande giorno doveva essere, grande giorno è stato. A distanza di sette mesi dall’ultima lezione in aula, gli Allievi del Master in Marketing e Comunicazione d’Impresa di Verona si sono ritrovati in presenza per la giornata di chiusura del percorso formativo. Riscoprendosi più preparati, sicuri dei propri mezzi, ma anche più uniti e più vicini, nonostante i mesi di forzata lontananza. In poche parole, cresciuti umanamente e professionalmente.
È stata una giornata ricca di emozioni, che ha visto gli Allievi alle prese prima con il classico mix di gioia e trepidazione che precede i grandi appuntamenti, e poi con l’autentica soddisfazione di chi ha appena tagliato un traguardo importante.

Eppure, assistendo alle presentazioni, ciò che trapelava erano solo una totale padronanza della situazione e una piena consapevolezza di sé. I primi a salire in cattedra sono stati gli “Sbronzi di Marketing”, seguiti dagli “Snacks&Go”, dai “GirlZ Power” e dai “Mad’s Communication”. Quattro gruppi, diversi per composizione, vissuti formativi e professionali e individualità, accomunati dal medesimo intento: offrire a Vicenzi Group proposte brillanti, innovative e immediatamente applicabili per l’espansione del noto brand Mr. Day, come da brief ricevuto lo scorso febbraio da Cristian Modolo e Francesco Mantovanelli, rispettivamente Marketing & Communication Director e Brand Manager del gruppo.

Impossibile sintetizzare in poche righe più di un centinaio di slide complessivamente prodotte, a loro volta frutto di un lavoro che si è protratto per settimane tramite brainstorming di gruppo, sessioni di team working e confronti costanti con i coach di progetto Andrea Ghirlanda e Sissi Peloso, e i docenti del Master. Molto più semplice, invece, per non dire immediato, è stato riconoscere nei lavori presentati quelle doti fondamentali per riuscire a fare la differenza in un settore, il marketing, che nel connubio tra creatività e analisi, e nel difficile equilibrio tra omologazione (con i tempi) e differenziazione (dei prodotti), trova i suoi tratti peculiari.

Alla fine ad aggiudicarsi la palma di vincitori sono stati gli “Snacks&Go”. E se per gli “Sbronzi di Mktg” è arrivata comunque una menzione speciale, anche per gli altri due gruppi non sono mancate le congratulazioni di tutti i presenti. Da Vilma Febbroni, direttrice di Professional Datagest, dal direttore generale e dal referente settore eventi di Confesercenti Provinciale di Verona Alessandro Torluccio e Fabio Vecchia, ai docenti Pierantonio Gallu e Domenico Orlando, presenti all’evento insieme ai già citati Modolo, Mantovanelli e Ghirlanda.

Un punto di arrivo che segna un nuovo inizio
Dopo i verdetti della giuria si è passati alla consegna dei diplomi e al tradizionale brindisi di fine Master. Ed è così che con la sana euforia da conquista, condita da quel pizzico di adrenalina ancora in circolo, si fa strada anche la soddisfazione per aver portato a termine un percorso che a un certo punto sembrava essere più difficile del previsto, e che proprio a seguito delle nuove sfide si è rivelato ancora più arricchente.

Perché l’obiettivo prioritario di un percorso formativo è certamente l’acquisizione di nuove competenze. Ma conoscere gli elementi di un piano di marketing, saper definire la strategia di lancio di un nuovo prodotto è tanto importante quanto sapersi relazionare con i colleghi e conquistare la fiducia di clienti e fornitori, per accompagnare la crescita professionale con un’evoluzione anche della propria persona.

Un project work serve anche e soprattutto a questo, ed è questo il vero motivo per cui per i nostri (ormai ex) Allievi del Master in Marketing e Comunicazione d’Impresa di Verona, la giornata di sabato scorso non rappresenta un punto di arrivo, ma è in realtà un punto d’inizio.